Skip to content

Pelle Migrante

luglio 10, 2011

L’accampamento fioriva sul ventre
D’una bestia adagiata in attesa
Vinto da marionette morali
E canicola di frazioni d’annate

Mansueti, abbarbicati alla fonte del rosso forte
Deliranti di colori del tutto nuovi
Piacere a coglierci normalmente impreparati

 

Non ci sono strade a crepare il verde
A turbare il sonno dei rettili
Lungo i solchi di capitali venture
Gemiti sul copione degli amanti

Un ghigno sulla vetrata celeste
Riflesso su mosaici di pietrisco
Ruminato pazientemente dalle alture

Si leva indolente insetto sconosciuto
Eredità d’uno spazio non condivisibile
Fame assedia i nuclei con occhi di lupo
E con incuranza trascini altrove

Le tue rinunciabili attenzioni…

Annunci

From → poesia

2 commenti
  1. tizianatius permalink

    Trattengo il fiato sino alla chiusa e poi è un colpo forte allo stomaco, bella!

  2. L’attesa non si consuma: cresce.
    Ti ringrazio –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: