Skip to content

Natale

dicembre 26, 2014

nataleLa notte è santa
di tutte le storie
raccontate per dormire
per secoli
dove la solitudine punge
e il petto indurito morto
è parete spoglia d’ogni
intento, sei l’amore
invisibile, sei un riflesso
fugace, sei un canto
proveniente da orbite
vuote, portami un sorriso
un margine d’errore
su cui contare altri giorni
a venire, elenco di mancanze
e nessuna con la mia faccia
un gennaio di spighe gelate
avido pane di cuori spezzati.

Tutto questo non ci appartiene
la veglia non è malattia
il sonno schiude gli occhi
sul panorama brullo dei tuoi
inondano di lacrime il deserto
d’oliata macchina famigliare
infernale, di lettere lasciate
in bianco, di neve soffocante
di luci a illuminare vie ammuffite
di progetti, guscio sottile
da rompere
per soccombere sotto macerie
o tornare a nuotare
nel nostro mare amante fedele
di vita insieme –

 

 

 

 

 

Annunci
One Comment
  1. Caro amico poeta, la tua poesia mi piace moltissimo per l’originalità..anche se abbiamo stili diversi ti dico che ti ammiro molto peccato che è un discreto tempo che non ti vedo fra le mie pagine poetiche, e questo mi dispiace…
    Un caro saluto
    Carmelo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: