Skip to content

Sano

aprile 23, 2011

Si sveglia al mattino

Scuote sogni dal crine

Presuntuoso principiante

A cosa servono i cubi

Impulsi diramati

Da isolato terminale

Lucido grigio brillante

Striscia senz’alzare gomiti

Civiltà in presa diretta

Petrolio fluo inadeguato

Illumina cavità cemento

Vetro notte ferro quadro

Piacere complessivamente

Personale disagio veglia

Sonno inconciliabile

Pioggia di soffitto

Invisibile corrotto

Non tornare

Non essere stato

Visione concessa in

Casuale materiale affitto

Darò senso e valore

All’idea di sottopassaggio

In posa per venire

Ho sceso le scale regolari consumate e non sapevo quale direzione prendere, fino a che si può, non mi faccio altri pensieri, colori scialbi di antica emicrania, un vino da discount con un sapore tipico, patrimonio dell’umanità, passantindifferenti e torno indietro, rapido e inaffidabile, luce gialla, aria grave d’inderogabili colpe, un vecchio impiegato giovane anni ottanta compila il modulo d’espulsione dall’occidente, migrano stormi verso i buchi neri, una musica dolce solo per noi, la causa delle vostre cause.

Prego! La corsa è terminata! Avanti! Posti liberi!

Quel che resta, non m’interessa –

Annunci

From → poesia, racconto

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: