Skip to content

Memorie di Nessuno

novembre 28, 2012

Certo sarei potuto essere
tutto quanto avrei voluto

sveglia presto senza sigaretta
e un caffè di stanza distante

odore di gioiosa solitudine
da’ muri battuti d’onde verdi

normalmente esistente
cadono foglie mani avvolte

 

piange il respiro dietro un canto
un cielo rapito dalle nubi
veste grigio tramonti
di tempi spesi al principio
d’un’irrinunciabile discesa –

Annunci
3 commenti
  1. icittadiniprimaditutto permalink

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Gapemotivo permalink

    Non male, è una buona poesia, grazie per la condivisione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: