Skip to content

Quattro Notti

agosto 13, 2012

Mi son detto che ogni notte
segue un sentiero indifferente
cielo di sangue nero
e macchie di luce concessa
un cuore piccolo per deprimere
nello sgomento, pianto immaginario.

 

 

 

Fra braccia pietose legnose arse
di sete e pietra, di fango e vino
memoria imperdonabile
affogata in un abbraccio cieco
quando bestie di dolore
gridano smarrimento di perdita.

Cadono su ginocchia straziate
figli giustiziati dal fato avido
di tempo gettato ai porci,
crudeltà per pubblico di vomito
e lascivia scambiata per eternità,
quando perdizione scuote corpi morti –

 

Annunci
2 commenti
  1. … di tempo gettato ai porci…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: